CONCORSO “IL GIOCO DEL VOLLEY” VISTO E INTERPRETATO DAGLI ARTISTI CERAMISTI MOSTRA

Il Concorso organizzato dalla FIPAV, Federazione Italiana di Pallavolo, con il prestigioso patrocinio dell’AiCC, Associazione italiana Città delle Ceramiche, con sede a Faenza, è stato ideato e realizzato grazie al curatore Giuseppe Bertero, che presenta in esposizione le opere degli artisti partecipanti, dall’Italia e dall’Europa, nella mostra che si è tenuta presso il PalaAlpitour di Torino dal 26 al 30 settembre 2018.

Le opere dei 50 artisti selezionate da una qualificata giuria di esperti del settore, sono state esposte sulla bella e prestigiosa balconata del Foyer d’ingresso del palazzo progettato dall’architetto Arata Isozaki.

L’esposizione è stata inaugurata il 26 settembre 2018, ed è stata visitabile dalle ore 16 alle 22 da chiunque possedesse un biglietto di ingresso alle partite dei mondiali.

La proclamazione dei vincitori è avvenuta il 30 settembre,  alle ore 16 in occasione del Mach Finale del Campionato Mondiale di Volley Maschile.

Una grande occasione per la cultura piemontese in quanto i Mondiali di Volleyball sono anche una stimolante opportunità per ragionare sui valori etici che l’arte e lo sport offrono alla nostra civiltà. Dunque, si può ragionevolmente affermare che i protagonisti del Volleyball hanno dato stimoli cognitivi, ispirazioni concettuali, suggestioni poetiche ad artisti che operano con la ceramica e che li hanno rappresentati in sculture e raffigurazioni originali di forte impatto visivo. Questi manufatti sono stati allestiti in un’ordinata e suggestiva esposizione. Gli artisti, a modo loro, secondo le personali poetiche e scelta di cifra personale, vale a dire: figurazione, astrazione o ricerca concettuale, ci ricordano che Arte è pittura e scultura, ma Arte è anche lo sport… e lo è sempre stato.

VALUTAZIONI ESPRESSE DALLA GIURIA DEL CONCORSO “IL GIOCO DEL VOLLEY”
Curatore Giuseppe Bertero

1° premio: ROBERTO PERINO
Nell’opera si coglie una ricerca di tensione della materia, un vibrante dinamismo e un linguaggio plastico personale potente ma misurato che vuole superare la rappresentazione realistica, espressa con effetti coloristici e grafici che esaltano la forma compatta, leggera e armoniosa.

2° Premio: SUSANA ANTONELLI
La velocità, la forza e la traiettoria del gesto atletico sono espressi con semplificazione formale e coloristica, con essenzialità volumetrico-spaziale di grande impatto visivo.

3° premio: PAOLO VANNUCCHI
La scultura nel suo equilibrio compositivo, manifesta chiari echi realistici, aggiornati con suggestive forme geometrizzanti che denotano da parte dell’artista capacità di sintesi e uno spiazzante risvolto ironico.

Membri della giuria:
o Marco BASSO
o Giovanni CORDERO
o Gian Giorgio MASSARA
o Angelo MISTRANGELO

 

Author: Gianluca Platania
26 oggetti « 2 di 26 »