EUROPEI MASCHILI: FRANCIA ANCORA FATALE PER GLI AZZURRI, FINISCE AI QUARTI LA CORSA DELL’ITALIA

“Dispiace come siano andate le cose. Siamo quasi sempre stati in difficoltà non riuscendo quasi mai ad esprimerci”. Non adduce scuse Gianlorenzo Blengini subito dopo l’eliminazione dell’Italia dalla corsa al titolo Europeo maschile. Si è fermata dunque ai Quarti di Finale la corsa della Nazionale Maschile, sconfitta con il punteggio di 3-0 (25-16, 27-25, 25-14) dai padroni di casa della Francia. Se si esclude il combattutissimo 2° set, chiuso 27-25 dai padroni di casa, gli Azzurri non sono mai stati in grado di arginare la manovra dei transalpini che grazie a una notevole efficacia al servizio hanno messo a dura prova la ricezione della nazionale tricolore. Il rimpianto maggiore è del 2° set quando gli uomini di Blengini hanno sprecato addirittura tre palle set che avrebbero potuto impattare la gara sull’1-1 e forse metterla su dei binari differenti. Inutile anche il cambio tattico che ha visto lo spostamento di Zaytsev martello e il contemporaneo inserimento di Nelli opposto.
Al di là dei rimpianti però gli uomini di Tillie hanno disputato davvero una grande gara dimostrandosi superiori, nell’occasione, a Giannelli e compagni meritando così l’accesso alla semifinale di Parigi.
Per quanto riguarda le formazioni di partenza Blengini ha scelto il solito schieramento che prevede la diagonale Giannelli-Zaytsev, Juantorena e Antonov la coppia di martelli, Piano e Anzani i centrali con Colaci libero. I padroni di casa sono stati schierati con Toniutti in palleggio, Boyer sulla sua diagonale, Ngapeth e Tillie gli schiacciatori, Le Roux e Le Goff centrali con Grebennikov libero.    
“Certo rimane il rammarico per quel secondo set che forse ci avrebbe dato la possibilità di riaprire la gara – ha proseguito Blengini -; ma questo è lo sport e le cose sono andate così. Abbiamo provato a cambiare qualcosa anche con quel cambio tattico, ma questa sera per noi proprio non era serata evidentemente. La Francia ha comunque giocato una grande gara e ha meritato”.
“Peccato” è la parola usata anche da Juantorena per raccontare il quarto di finale di martedì sera, capolinea dell’avventura europea azzurra: “E’ un peccato, tutti abbiamo dato quello che avevamo ma questa sera non ci è riuscito praticamente niente. Ovvio che siamo molto dispiaciuti per come sono andate le cose, ma dobbiamo dare merito anche ai nostri av-versari che hanno disputato una grande gara. A noi questa sera non è riuscito praticamente nulla”.
“Il rammarico più grande è per quel secondo set che ci avrebbe potuto dare qualche chance in più ma abbiamo commesso degli errori nel finale – ha aggiunto Ivan Zaytsev -. Sono personalmente dispiaciuto per i miei errori, ma è andata così; davvero peccato”.        

• ITALIA-FRANCIA: 0-3 (16-25, 25-27, 14-25)
ITALIA: Giannelli 3, Zaytsev 2, Juantorena 9, Piano 5, Antonov 1, Anzani 5, Colaci (L). Balaso (L), Lavia, Candellaro, Nelli 6, Sbertoli 2, Cavuto 1, Russo. All. Blengini
FRANCIA: Toniutti, Tillie 4, Ngapeth 13, Le Roux 6, Boyer 25, Le Goff 1, Grebennikov (L). Lyneel 6, Brizard 2, Chinenyeze 1, Rossard. Ne: Clevenot, Patry. Bultor (L). All. Tillie
Arbitri: Akinci (TUR), Cambré (BEL)
Durata set: 25’, 33’, 26’
Spettatori: 7025
Italia: a 3 bs 10 mv 9 et 19
Francia: a 11 bs 13 mv 7et 21

QUARTI DI FINALE
23/9 ore 20: Apeldoorn, Olanda, Polonia – Germania 3-0 (25-19, 25-21, 25-18).
23/9 ore 20.30: Lubiana, Slovenia: Russia – Slovenia 1-3 (23-25, 22-25, 25-21, 21-25)
24/9 ore 20.30 Anversa, Belgio: Serbia – Ucraina 3-2 (21-25, 25-23, 25-22, 19-25, 15-9)
24/9 ore 21: Nantes, Francia: Italia-Francia 0-3 (16-25, 25-27, 14-25)

SEMIFINALI
26/9 ore 20.30 Lubiana, Slovenia: Slovenia-Polonia
27/9 ore 20.45 Parigi, Francia: Francia-Serbia

FINALI
28/9 ore 18 Parigi, Finale 3-4° posto
29/9 ore 17.30 Parigi, Finale 1-2 posto