L’ITALIA BATTE L’EGITTO E RAGGIUNGE IL 50% DI VITTORIE IN WORLD CUP

Terzo successo in sei incontri di World Cup per gli Azzurri di Blengini, che a Hiroshima hanno superato per 3-0 (25-19, 25-21, 25-22) l’Egitto, raggiungendo un bilancio in perfetto equilibrio. Una gara ben giocata durante la quale sono riusciti a gestire con costanza il gioco, non permettendo quasi mai ai propri avversari di rendersi davvero pericolosi. L’Italia ha disputato una gara ordinata dal punto di vista tattico, mostrando sì una certa superiorità tecnica, ma dovendo comunque fare i conti con qualche sbavatura che c’è stata in alcuni momenti.
“Sono molto soddisfatto per la vittoria di oggi, sapevamo che l’Egitto è una buona squadra che in questo torneo ha battuto Australia e Iran – sono state le parole di Blengini dopo il successo ottenuto dall’Italia -. Sono soddisfatto dell’attenzione dei ragazzi in attacco, soprattutto nel secondo set hanno avuto pazienza e hanno giocato diligentemente. Sono stati dietro anche cinque o sei punti ma poi sono stati bravi a riprendere gli avversari e poi vincere il set. Nell’ultimo parziale poi Vermeulen ha cambiato qualcosa e infatti hanno giocato meglio, ma, ripeto, i ragazzi sono stati davvero bravi a non scomporsi e a vincere questa partita davvero importante per noi”.
Nel complesso la partita con l’Egitto rimane una buona prova: in evidenza Dick Kooy autore di 18 punti, ma particolarmente incisivo al servizio in alcuni momenti chiave del match che hanno consentito all’Italia di uscire da situazioni potenzialmente pericolose. Giovedì si torna in campo alle ore 8 (italiane) contro l’Australia.
“La mia parola del giorno è BANZAI perché sono davvero felice per questa vittoria – scherza Matteo Piano -. Non è stato semplice, abbiamo iniziato il match un po’ nervosamente, ma abbiamo sempre gestito la gara nonostante l’Egitto abbia provato ogni tanto a spingere, ma per noi era davvero importante iniziare questa seconda parte del torneo con una vittoria. Nel complesso poi bisogna ricordare che questo è un gruppo nuovo che non ha giocato assieme durante l’estate. Bisogna poi aggiungere che molti dei ragazzi che sono qui sono molto giovani e le vittorie sono importanti per acquisire consapevolezza nei propri mezzi cercando poi di divertirsi. Quando non si ha molta esperienza non è semplice, ma spero davvero che già dalla prossima gara si possa entrare in campo con una maggiore consapevolezza.”

• ITALIA-EGITTO: 3-0 (25-19, 25-21, 25-22)
ITALIA: Sbertoli 1, Nelli 17, Cavuto 11, Candellaro 7, Kooy 18, Piano 2, Balaso (L). Ne: Anzani, Pinali, Russo, An-tonov, Pesaresi (L), Lavia, Zoppellari. All. Blengini
EGITTO: Abdalla, Salah 5, A. Seoudy 6, Dola 1, A. Said 9, Deyo 5, Abdelaal (L). Hossam, 1, Hisham 6, Tayson 2, Reda (L), Mohsen. Ne: Rashad, Mansour. All. Vermeulen
Arbitri: Maroszek (POL), Ebrahim Ali (BHR)
Durata set: 25’, 26’, 29’ 
Spettatori: 460
Italia: a 6 bs 18 mv 7 et 26
Egitto: a 2 bs 12 mv 7 et 17

Risultati 9 ottobre
Tunisia – Canada 2-3 (20-25, 25-20, 27-29, 25-20, 12-15)
Italia – Egitto 3-0
Argentina – Brasile 0-3 (19-25, 19-25, 24–26)
Polonia – Russia 3-1 (25-27, 25-21, 25-18, 25-22)
USA – Iran ore 11
Giappone – Australia ore 12.20

Il calendario degli azzurri nella World Cup
Fukuoka (1-6 ottobre)
1/10 Giappone-Italia 3-0
2/10 Italia-Stati Uniti 1-3
4/10 Argentina-Italia 2-3
5/10 Tunisia-Italia 0-3
6/10 Italia-Polonia 0-3

Hiroshima (9-11 ottobre)
9/10 Italia-Egitto 3-0
10/10 Italia-Australia (ore 8)
11/10 Italia-Russia (ore 8)

Hiroshima (13-15 ottobre)
13/10 Italia-Canada (ore 5.30)
14/10 Italia-Iran (ore 8)
15/10 Italia-Brasile (ore 8)

CLASSIFICA: Brasile (6-0), Polonia (5-1), Usa (4-1), Giappone (3-2), Russia (3-3), Italia (3-3), Canada (3-3), Egitto (2-4), Iran (2-3), Argentina (2-4), Australia (1-4), Tunisia (0-6).