PVO n. 373 – Ottobre 2020

>> VAI AL MAGAZINE SFOGLIABILE N.373 <<

>> Leggi tutti gli articoli di PVO N.373 <<

La gioia per esserci potuti ritrovare finalmente in presenza sabato scorso per la presentazione della nuova stagione agonistica regionale e i sorteggi dei prossimi gironi delle Serie C e Serie D maschili e femminili è durata purtroppo poco.
La costante crescita dei contagi da Covid-19 giornalieri e i nuovi provvedimenti ristrettivi annunciati da molte Regioni in fatto di chiusura delle attività meno importanti (e purtroppo tra queste molti inseriscono lo sport, sigh…), non lasciano presagire nulla di buono in vista della ripresa dei campionati di sabato 7 e domenica 8 novembre.
Al momento lo sport professionistico (ma la pallavolo non è tra questi, nè a livello maschile e soprattutto a quello femminile) non sembra correre rischi, lo sport dilettantistico ha superato lo scoglio dei DPCM della scorsa settimana ma la Lombardia potrebbe nei prossimi giorni dare una spallata e mettere nuove limitazioni, chiamando in causa a catena anche altri Enti (che possono legiferare solo in termini più restrittivi rispetto al DPCM nazionale). Staremo  a vedere.
Nel frattempo, come detto, sabato 10 ottobre presso la Terrazza del Ristorante La Cloche in Strada al Traforo di Pino di Torino abbiamo potuto ritrovarci, con tutte le precauzioni del caso (qualcuno sembrava persino ringiovanito, ma era solo l’effetto della mascherina…) e anche se non abbracciarci almeno guardarci negli occhi. Tutto è filato via liscio, i sorteggi non hanno sollevato polemiche, anche perché comunque l’attenzione di tutti è monopolizzata da ben altri problemi, dall’utilizzo delle palestre alla gestione di un precampionato che deve fare i conti con la sicurezza dei propri tesserati, giocatori, allenatori e dirigenti. Per il momento del pubblico non se ne parla, i 200 spettatori ammessi per gli impianti al chiuso potrebbero essere destinati in breve tempo a scendere fino a sparire del tutto, come per l’attività nel settore giovanile e provinciale.
Il Presidente regionale Ezio Ferro in questo periodo è in prima linea con i colleghi di basket e calcio per tenere sotto pressione le autorità pubbliche sulle difficoltà delle Società nel gestire la situazione impianti, ma, come detto, tutto fluttua velocemente e molto pesa l’opinione pubblica, sotto pressione dalle notizie giornaliere dei contagi che animano le trasmissioni televisive, ormai monopolizzate a tutte le ore dall’argomento.
Noi su PVO continuiamo a seguire la pallavolo giocata, in attesa di entrare in pista nel nostro specifico della Serie C, Serie D e Under 15 femminile regionale.
Parallelamente si sta lavorando per allestire l’Agenda del Volley 2020-2021, e tutte le Società hanno ricevuto le schede con largo anticipo quest’anno, perché l’intenzione è quella di recuperare i dati della scorsa annata 2019-2020 e aggiungendoci i nuovi del 2020-2021 ed uscire entro la fine dell’anno con la doppia stagione.
Per questo serve che tutti restituiscano le schede in tempo, in modo da anticipare i tempi il più possibile. Il primo termine era mercoledì 14 e il 70% lo ha ottemperato, lunedì 19 scade il termine definitivo e chi non avrà inviato le schede (per le Under 15 regionali femminili serve anche una foto) resterà inesorabilmente fuori.

PVO, il volley vive qui. Anche in tempi del Covid-19.

BILI. BRUNO

::: VAI AL MAGAZINE 373 :::

 

 

 

 

SHARE